indirizzo: Parco Nazionale della Majella, SS 487, 106

Descrizione

Si tratta di un antico lavatoio pubblico costruito, tra il XVI e il XVII secolo,  in muratura di pietra squadrata e somigliante allo scafo di un’imbarcazione.
L’’asse principale della vasca è disposto ortogonalmente alla retrostante parete rocciosa, contornata da muri ad opera incerta. Qui le donne vi confluivano da ogni parte del paese camminando con i caratteristici catini di rame sulla testa (“uaccile”).
Una parte della vasca è attualmente riempita con materiale lapideo ed è probabile che la scelta sia stata presa dai cittadini in seguito ad un’evidente riduzione della portata dell’acqua e al disuso dei lavatoi stessi. Il deflusso dell’acqua è attualmente reso possibile attraverso una grata posta nella convergenza delle due pareti curve.