indirizzo: Via Santa Maria Maggiore, 56

Descrizione


La chiesa di San Marcello è la più antica del borgo di Pacentro. Costruita nel 1047 dal monaco casauriense Adalberto in onore di papa Marcello I, fu restaurata in seguito ad un incendio da Berardo vescovo di Forcone nel 1166. Fu per lungo tempo la chiesa parrocchiale del paese e utilizzata come luogo di sepoltura almeno fino al 1743. Come tante altre chiese di Pacentro, anche San Marcello viene menzionata nelle bolle pontificie: era piccola, proporzionata al numero di abitanti dell’epoca, provvista di una sagrestia e di un altare.

Descrizione

Si accede alla chiesa mediante una scalinata che conduce al portale durazzesco in pietra lavorata (XV secolo) che immette sul fianco destro della navata unica della chiesa attuale. Il prospetto coronato dal finestrone semicircolare superiore presenta, a sinistra del portale, una nicchia a sesto acuto che accoglie un affresco raffigurante la Vergine con il Bambino e San Marcello. Di notevole pregio artistico è il portale ligneo con specchiature e modanature realizzato o restaurato nel 1697 per volere di D. Signor Isidoro Rossi Vicario Arciprete e Parroco. La navata di sinistra oggi non esiste più, tuttavia alcuni locali di proprietà privata, attigui alla chiesa medesima, conservano delle nicchie incavate nei muri e successivamente murate nelle quali sono visibili resti di affreschi. Oggi la chiesa presenta un impianto planimetrico ad aula unica con altare maggiore e laterali a stucco realizzati nel corso del XVIII secolo. Dal 1802 è sede della locale Confraternita di San Carlo Borromeo che vi conserva i paramenti e si occupa del suo mantenimento. Di notevole interesse è l’acquasantiera posizionata nei pressi dell’ingresso alla chiesa e sormontata dal motivo di un teschio con ossa incrociate che ricorda l’aggregazione del pio sodalizio pacentrano di S. Carlo Borromeo all’Arciconfraternita dell’Orazione e Morte di Roma.